Film Festival Omaggio a una Visione
22esima edizione, 18-24 ottobre 2021
www.poklonviziji.com | www.kinoatelje.it

Locandina del Premio Darko Bratina 2021 Peter Zeitlinger Il Premio "Darko Bratina 2021" al direttore della fotografia Peter Zeitlinger

Il Premio quest'anno verrà consegnato per la prima volta dall'associazione Kinoatelje a un direttore della fotografia. L'autore di origine ceca, a cui verrà dedicata la parte monografica del festival Omaggio a una visione 2021, è attivo anche nella regia e nella sceneggiatura. Dal 18 al 24 ottobre potremo scoprire il suo particolare sguardo riflesso in importanti film diretti in particolare da Werner Herzog, maestro della cinematografia tedesca contemporanea con cui ha a lungo collaborato, e al suo eccezionale opus di documentari e lungometraggi.

Peter Zeitlinger riceve il Premio Darko Bratina 2021 per il suo vasto opus, in cui esplora costantemente i confini del proprio linguaggio cinematografico. Con il suo approccio d'autore sostiene le visioni dei registi, senza mai dimenticarsi dello spettatore che desidera accompagnare nell'esperienza cinematografica in modo più autentico possibile. La fotografia cinematografica di Zeitlinger trae ispirazione dal cinema al suo esordio, quando era ancora in sintonia con il ritmo del mondo e in continua ricerca di nuovi procedimenti per catturare le immagini.

Zeitlinger riprende il mondo che gli compare davanti, non ne crea di nuovi. È convinto che il flusso interiore del film non si possa creare in sala montaggio. Non si tira indietro di fronte alle esigenze delle produzioni hollywoodiane né alle sfide dei film a basso costo. Ha scelto con coraggio di esplorare le potenzialità dell'arte cinematografica molto presto, ancor prima di varcare il confine e imparare a parlare una nuova lingua in un Paese straniero. La cinepresa è stata la sua prima finestra sul mondo e al contempo uno scudo dietro a cui rifugiarsi.

Nella sua carriera ha catturato su pellicola i punti di rottura delle emozioni umane e dei valori etici. Non importa se si tratta di persone che si confrontano con il loro passato traumatico, animali pericolosi, nazismo o stati modificati di coscienza - le sue immagini esprimono sempre il desiderio di scoperta, affetto e non sono mai giudicanti. In un mondo in cui le immagini sono per lo più fatte per i "mi piace", questo è un gradito promemoria di quanto incrollabile sia la forza del cinema.

L'opus dell'autore comprende oltre 90 opere. Zeitlinger studiò montaggio e riprese, oltre che filosofia e management dell'arte. Dopo aver collaborato con Götz Spielmann e Ulrich Seidl, iniziò a collaborare stabilmente con Werner Herzog, con cui ha girato tra l'altro Encounters at the End of the World (2007, nomination all'Oscar) e Cave of Forgotten Dreams in 3D (2010). Herzog e Zeitlinger spingono ripetutamente i confini dell'arte cinematografica, alla ricerca di nuovi modi per ritrarre luoghi che sembravano impossibili da riprendere. Zeitlinger trae ispirazione da progetti più piccoli e intimi, ma anche dal lavoro con star hollywoodiane importanti come Nicole Kidman e Nicolas Cage. Tra l'altro ha collaborato con l'attore e regista James Franco e il regista Abel Ferrara.

Il riconoscimento a Zeitlinger verrà consegnato nell'ambito del Festival cinematografico transfrontaliero in programma a Gorizia, Nova Gorica, Lubiana, Udine, San Pietro al Natisone e Trieste. La rassegna, organizzata in collaborazione con una fitta rete di partner, offrirà una ricca selezione di proiezioni gratuite, conferenze, incontri formativi, concerti, seminari e altri eventi. Tutti gli appuntamenti saranno in presenza per condividere insieme la magia del cinema, senza dimenticare la sua capacità di aprirci a un mondo di nuove visioni, incontri e ispirazioni, soprattutto dopo questo periodo difficile condizionato dalla pandemia. Zeitlinger sarà anche il protagonista della tradizionale masterclass che si svolgerà il 20 ottobre nel Palazzo del Cinema di Gorizia, dove, tra proiezioni e dibattiti, si avrà modo di apprezzare come il suo approccio alla fotografia sia in grado di modificare le visioni dei colleghi registi. In serata nella stessa sede verrà consegnato il Premio Darko Bratina 2021.

La formazione rimane un punto cardine del festival. Nella sua "anteprima" dedicata alla sezione Primi Voli che si svolgerà dall' 8 al 10 ottobre al Mostovna a Nova Gorica si potranno infatti apprezzare 20 opere di giovani registi in erba selezionate a un concorso per cortometraggi dal taglio eclettico e innovativo. Il 10 ottobre ragazzi e ragazze dai 12 ai 15 anni potranno invece partecipare al laboratorio "Pensare il film" (in italiano, sloveno e inglese). Tema comune a tutta la sezione è la foresta (per il laboratorio iscrizione obbligatoria all'indirizzo nagrada.darko.bratina@gmail.com). L'Accademia delle Belle Arti di Nova Gorica farà anche parte dei Primi Voli con una selezione di cortometraggi creati dai suoi studenti che riflettono, in particolare, sulle restrizioni imposte dalla pandemia al mondo dell'istruzione.

Il programma del festival propone anche un omaggio a Dante nel 700° anniversario della sua morte con un evento speciale: il cine-concerto "L'Inferno" per immergersi, attraverso i selvaggi suoni del bosco, nel primo cantico della Divina commedia (Mostovna, Nova Gorica, sabato 09 ottobre alle 21). La colonna sonora dal vivo del film muto L'Inferno, girato nel lontano 1911, sarà a cura di Jure Boršic (sassofono contralto), Andrea Gulli (elettronica) e Urban Kušar (percussioni).

Il programma del festival vero e proprio inizia lunedì 18 ottobre alle 18 alla Slovenska kinoteka di Lubiana con due film: The Bad Lieutenant: Port of Call -New Orleans di Werner Herzog (2009) e Tunnelkind di Erhard Riedlsperger (1990). Entrando nel vivo delle date italiane, martedì 19 ottobre alle 18 al Palazzo del cinema di Gorizia si potrà scoprire un corto di Silvia Zeitlinger Vas, regista e moglie del premiato con cui spesso collabora. Il suo Tutto il mondo e paese (2018) sarà seguito da Werfolgt -Der kleine Zeuge di Andrea Senn (2012) e, alle 20, da My son My son, what have You done di Werner Herzog. Il 20 ottobre il masterclass al Palazzo del cinema di Gorizia andrà avanti dalle 10 alle 17. La serata d'onore si terrà dalle ore 20 con la consegna del Premio Darko Bratina 2021 a Peter Zeitlinger, seguita dalla proiezione in 3D di The Cave of Forgotten Dreams di Werner Herzog (2010).

Il 21 ottobre la carovana del festival sbarca a Trieste al Cinema Ariston dove, alle 21, verranno proiettati il corto Ritorneremo di Silvia Zeitlinger Vas (2017) seguito da Queen of the di W. Herzog (2015). Nella stessa giornata c'è da segnalare anche un ulteriore appuntamento speciale di approfondimento a Nova Gorica (Xcenter, dalle 10 alle 13)) dove ci sarà il seminario "Manager culturale: sfide e visioni" che si concentrerà sulle competenze da acquisire per lavorare in questo particolare settore del managment.

Il 22 ottobre tradizionale tappa al Cinema visionario di Udine. Si parte alle 19 con 2077 - Somewhere on planeth earth e Mikado di Silvia Zeitlinger Vas. Alle 21 Encounters at the End of the World di Werner Herzog (2007). Ultima giornata italiana a San Pietro al Natisone il 23 ottobre. Il Museo SMO, dalle 20, proietterà il corto Ritorneremo di Silvia Zeitlinger Vas (2017) seguito da un ultimo film diretto da Herzog, Grizzly Man, (2005) dove, come nei precedenti lavori del regista tedesco, la direzione della fotografia è di Peter Zeitlinger. Il festival si chiude il 24 ottobre a Lubiana con un'ultima proiezione al Cankariev dom (Losses to be Expected di Urlich Seidl, 1993). (Comunicato ufficio stampa Emanuela Masseria)

Logo della Newsletter Kritik di Ninni Radicini su mostre d'arte iniziative culturali libri
Prima del nuovo numero di Kritik


Mappa del sito www.ninniradicini.it

Home page