Austria - Elezioni '08: Avanzata della Destra e crisi del Bipolarismo

di Ninni Radicini
31 ottobre 2008


I risultati delle Legislative del 28 settembre, ufficializzati il 7 ottobre, hanno determinato la sconfitta dei due maggiori partiti, socialdemocratici e popolari: la peggiore della loro storia. Si votava con il sistema proporzionale (sbarramento al 4%) per il rinnovo della Nationalrat, la Camera Bassa (183 seggi, per 5 anni), uno dei due rami del Parlamento Federale; l'altro la Bundesrat - Dieta federale - la cui composizione collegata a quella delle Assemblee dei nove Bundeslnder (equivalenti a regioni autonome). Elezioni anticipate per la caduta del governo di "Grande coalizione" presieduto da Alfred Gusenbauer (SP), durato 18 mesi fino a luglio scorso quando i popolari sono usciti a seguito di polemiche sui rapporti tra Austria e Ue.

La SP - Partito socialdemocratico rimane al primo posto con 29.26% ma perde molti voti (-6.08; 57 seggi). A seguire VP - Partito Popolare 25.98% (-8.35; 51), FP - Partito liberale 17.54% (+6.50; 34), BZ - Alleanza per il Futuro 10.70% (+6.59; 21), Die Grnen - Verdi 10.43% (-0.62; 20). Ha votato il 78.8% (il 6 % per posta). SP ha perso in tutti i Bundeslnder e persino a Vienna, roccaforte storica. Da notare i risultati in Carinzia e Tirolo, le due regioni al confine con l'Italia. In Carinzia BZ arriva al 39.41% (+15%) mentre Fpo si fermata al 7.66% (+0.4%). Nel Tirolo, crollo di VP (-13%).

Per le statistiche, la Stiria si confermato Land "tipo": i cinque maggiori partiti sono nello stesso ordine di quello federale. Tra le formazioni senza seggi, LIF - Forum Liberale, nato nel '93 da una scissione a sinistra di FP. Altrettanto per FRITZ - Forum Austria dei Cittadini, attivo soprattutto nel Tirolo, fondato da Fritz Dinkhauser (gi in VP), presidente della sezione locale della Camera del Lavoro. Alle Regionali del giugno '08 ottenne il 18.3%. Qualche frazione di punto per il partito "I Cristiani", presentato nel sett.'07, e per KP - Partito comunista, senza rappresentanza nella Nationalrat da 50 anni, ma che nel '05 ha ottenuto un sorprendente 6.3% in Stiria.

Nel '07 l'Austria ha ridotto a 16 anni il minimo di et per il voto legislativo. E' una conseguenza dell'aumento della et media della popolazione (il numero dei 65enni ha superato quello dei 15enni). La novit avrebbe dovuto essere applicata dal '10. L'anticipo ha suscitato polemiche sulla effettiva consapevolezza del quadro politico-elettorale da parte dei 200mila neovotanti 16-17enni. Dall'analisi dei flussi elettorali si riscontrato che gran parte di loro si orientata a destra, in particolare verso la FP di Heinz-Christian Strache, 39enne, odontotecnico. Considerando invece gli elettori in uscita, FP ha attratto il 21% di ex socialdemocratici e BZ il 31% di ex popolari. Gli ex elettori dei Verdi si sono diretti in gran parte verso l'astensionismo, LIF e piccoli partiti. Nella nuova Camera vi saranno 51 donne: in precedenza erano 58 e il rapporto tra generi nella popolazione nazionale 50:50. Solo i Verdi sono in parit.

L'8 ott. il Presidente federale Heinz Fischer ha dato l'incarico per la formazione del governo a Werner Faymann, 48enne leader di SP ed ex ministro dei Trasporti. I colloqui tra i partiti sono stati segnati dalla improvvisa scomparsa di Jrg Haider, governatore della Carinzia e presidente di BZ, da lui fondata nel '05. Nel 2000, in una Europa con maggioranza di governi di centro-sinistra, l'ingresso nell'esecutivo di Vienna della FP, allora presieduto da Haider, determin prese di posizione rilevanti da parte della Ue, preoccupata dalla permeabilit di questo partito a idee riconducibili al Terzo Reich. Memore di quella esperienza, Haider ha fondato BZ posizionandola tra VP e FP, con un programma centrato su temi - immigrazione, sicurezza interna, economia - legati ai mutamenti etnici, sociali, culturali in corso in tutta Europa, non chiedendo pi l'uscita dalla Ue (come invece FP) ma volendovi svolgere un ruolo critico.

Questo nuovo orientamento pu essere derivato dalla constatazione dei benefici economici per l'Austria dopo l'allargamento a Est della Ue. Il risultato della destra austriaca in linea con la tendenza europea, ad es.: il Vlaams Belang (Belgio), il Partito del Popolo (Svizzera) e il suo omonimo in Danimarca, la Lega delle famiglie (Polonia), il Partito del Progresso (Norvegia). Argomento decisivo nelle loro campagne elettorali stata l'immigrazione. Strache si scagliato contro le politiche assistenziali a favore degli immigrati, in particolare quelli musulmani, e ha accusato il governo uscente di svendere l'Austria agli stranieri.

Tra le coalizioni possibili per il nuovo esecutivo austriaco, indicative dell'attuale complessit politico-elettorale, vi sono due tripartiti con entrambi i partiti di destra, BZ ed FP: una con VP (il cui nuovo leader Josef Prll), l'altra con SP (che per in campagna elettorale ha escluso convergenze con la destra). Altri due sarebbero con Verdi e VP: una con SP, la cosiddetta "Coalizione Kenya" (dai colori della bandiera); l'altra con BZ. Ma i Verdi, la cui nuova leader Eva Glawischnig, non avrebbero intenzione di entrare in esecutivi a meno che non partecipino BZ e FP. Prima della scomparsa di Haider si prospettava la formazione di un governo entro dicembre.



* Articolo pubblicato da Orizzonti Nuovi - Periodico di informazione e analisi di Italia dei Valori

* Ninni Radicini, coautore del libro La Grecia contemporanea (1974-2006), ha pubblicato articoli su vari periodici, recensioni e prefazioni a libri.

Visualizza pagina Orizzonti Nuovi con articolo

Puoi proseguire con i seguenti articoli:
Elezioni legislative 2013 in Austria (ottobre 2013)

Vienna: i Socialdemocratici perdono la maggioranza assoluta (novembre 2010)

Austria: Elezioni presidenziali 2010 (maggio 2010)

Articoli relativi a partiti politici euroscettici

Libro sulla Storia contemporanea della Grecia dal 1974 al 2006 La Grecia contemporanea (1974-2006)
di Rudy Caparrini, Vincenzo Greco, Ninni Radicini
prefazione di Antonio Ferrari, giornalista, corrispondente da Atene per il Corriere della Sera
ed. Polistampa, 2007

Presentazione | Articoli sulla Grecia


Lista articoli

Home page